Differenza tra timbri autoinchiostranti, timbri manuale e timbri a secco

Data di pubblicazione : 09/07/2017 19:39:57
Categorie : MorandoTimbri Rss feed

Differenza tra timbri autoinchiostranti, timbri manuale e timbri a secco

Ci siamo. Da un po' ti girava per la mente l'idea di creare il tuo tuo timbro personalizzato. Ne hai bisogno per la tua azienda, ti sei informato in giro e hai compreso che non è un aspetto da trascurare se hai a cuore la tua azienda. Oppure sei a caccia di un timbro personalizzato per il tuo matrimonio, dato che sei alle prese con i preparativi. O ancora semplicemente vorresti un timbro personalizzato per dare sfogo ancora di più alla tua creatività oppure da utilizzare come ex-libris per rendere chiaro a tutti a chi appartengono i libri della tua libreria. Hai in mente esattamente come vuoi il tuo timbro, ma come fare a scegliere? Come fare ad orientarsi tra le varie soluzioni (disponibili ad esempio anche online) per realizzare il proprio timbro? Ci sono certe questioni tecniche da considerare -ci sono vari tipi di timbri e ognuno ha un suo specifico funzionamento e specifiche caratteristiche- che potrebbero sembrare non facili da decifrare, quando si vuole creare il proprio timbro personalizzato. Ma orientarsi non è così difficile. Ad esempio, qual è la differenza tra timbri autoinchiostranti e timbri manuali? Vediamola insieme.

Timbri manuali, timbri autoinchiostranti e timbri a secco quale scegliere?

Esistono vari tipi di timbro tra cui i timbri a secco e timbri autoinchiostranti. Inevitabile chiedersi dunque quali siano le differenze tra queste due tipologie di timbri e quale scegliere per l'obiettivo che ci siamo prefissi. Iniziamo subito ad illustrare le caratteristiche delle due tipologie. I timbri autoinchiostranti spesso vengono preferiti tra tutti i timbri, questo perché vengono descritti come i più pratici da utilizzare. Per quale motivo? Questa loro fama è dovuta al fatto che i timbri auto inchiostranti, come il loro stesso nome può fare molto facilmente intuire, non hanno bisogno che si ricorra ogni volta all'inchiostro per poterli utilizzare. E' una tipologia di timbro che sta diventando sempre più diffusa, anche perché è quella più al passo con i tempi dinamici -o se vogliamo frenetici- che ormai stiamo vivendo.

Con i timbri autoinchiostranti si può risparmiare tempo e denaro. Utilizzandoli, infatti, non è necessario usare il cuscinetto inchiostrante a parte, questo comporta un maggiore livello di praticità e velocità e comodità nel timbrare. In questo modo, infatti, si può timbrare velocemente e anche con una sola mano. Questo timbro, poi, azzera praticamente il rischio di macchiarsi con l'inchiostro, e di macchiare vestiti, mobili, ecc... Ma come funzionano, esattamente, i timbri autoinchiostranti?

I timbri appartenenti a questa tipologia possono fare a meno dell'inchiostro a parte perché sono dotati di un cuscinetto che si inchiostra automaticamente ogni volta che andiamo ad usare il timbro. Basta esercitare una pressione dall'alto, infatti, perché il coperchio del timbro si abbassi e così, per mezzo di alcune levette fatte apposta, la parte inchiostrata del timbro si gira e viene completamente scoperta. Questo meccanismo comporta anche un altro vantaggio: la resa del timbro è praticamente perfetta e non avvengono sbavature nel nostro timbro né si verificano perdite di inchiostro. Sono timbri maneggevoli, di lunga durata e rispettosi dell'ambiente, aspetto anche questo molto importante.

Sono certamente i timbri più moderni. Chi resta più legato alla tradizione, invece, potrebbe continuare a preferire i timbri manuali. Funzionano, in poche parole, in modo opposto rispetto ai timbri autoinchiostranti. I timbri manuali non funzionano in modo autonomo e, come la stessa parola fa facilmente intuire, necessitano sempre di essere impressi nell'inchiostro per poter essere utilizzati. Questo li rende meno comodi e maneggevoli. I timbri autoinchiostranti, ad esempio, possono essere portati in borsa senza timore che macchino di inchiostro, ma è meglio evitare farlo con un timbro manuale.

I timbri a secco invece sono timbri come dice la parola senza inchiostro imprimono un rilievo e possono rappresentare una buona soluzione per un timbro aziendale: forniscono un'immagine senza dubbio elegante, ed inoltre sono un aiuto nel disincentivare i falsificatori.

Condividi questo contenuto

Aggiungi un commento

Ti devi registrare
Clicca qui per registrati